Comitato d’Onore

All’insegna della solidarietà Savoia, Borbone e Karageorgevic con il C.I.S.

Appena dopo essere stato varato, nel dicembre 2020, il nuovo statuto del Corpo Internazionale di Soccorso O.d.V. OdV si è immediatamente fregiato di due prestigiosi membri nel proprio Comitato d’Onore.

Il Comitato può essere composto anche da non associati che ne facciano richiesta propria sponte o che siano nominati dal Consiglio Direttivo, i quali – su richiesta del Presidente o del Consiglio Direttivo stesso – esprimeranno pareri, pur non vincolanti. Ne potranno far parte, su proposta del Presidente, le Autorità Civili e Militari di alto profilo, i rappresentanti di Case Reali e i Gran Maestri di antichi Ordini Cavallereschi.

I primi due membri ascritti sono stati S.A.R. il Principe Emanuele Filiberto di Savoia Principe di Piemonte e Principe di Venezia, nipote dell’ultimo Re d’Italia, e S.A.R. il Principe Don Jaime di Borbone delle Due Sicilie Duca di Noto e cugino terzo del Re di Spagna.

Emanuele Filiberto, da sempre attento ai bisogni degli “ultimi”, porta avanti con successo le tradizioni filantropiche della propria famiglia attraverso la promozione delle attività umanitarie e caritative degli Ordini Dinastici della Real Casa di Savoia.

Don Jaime, più giovane, è anch’egli particolarmente sensibile verso i temi della beneficenza, patrocinata dalla Real Casa e dal Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio, patrimonio cavalleresco della Dinastia delle Due Sicilie.

Nel dicembre 2021 è stato ascritto, poi, S.A.R. il Principe Michel Karageorgevic di Jugoslavia, diretto discendente della Casa Reale Karageorgevic di Jugoslavia e della Casa Reale Savoia, in quanto figlio della Principessa Maria Pia.

Si tratta, dunque, di tre membri accomunati dalla volontà sincera e sentita di prodigarsi concretamente a favore delle attività del Corpo Internazionale di Soccorso, anche al di là dell’ascrizione al Comitato d’Onore del C.I.S. Di seguito si riportano i curricula inviatici dalle tre Case Reali.

Sempre nel dicembre 2021 è stato nominato Segretario Generale del Comitato d’Onore il nostro associato avvocato Gennaro Famiglietti, Console Generale Onorario della Repubblica di Bulgaria e coordinatore nazionale della Federazione dei Consoli e dei Diplomatici esteri in Italia. Presidente Istituto di Cultura Meridionale.

All’insegna della solidarietà Savoia e Borbone con il C.I.S. – 04/01/2021

Appena varato, il nuovo statuto del Corpo Internazionale di Soccorso O.d.V. OdV si fregia già di due prestigiosi membri nel proprio Comitato d’Onore.

Il Comitato può essere composto anche da non associati che ne facciano richiesta propria sponte o che siano nominati dal Consiglio Direttivo, i quali – su richiesta del Presidente o del Consiglio Direttivo – esprimeranno pareri, pur non vincolanti. Ne potranno far parte, su proposta del Presidente, le Autorità Civili e Militari di alto profilo, i rappresentanti di Case Reali e i Gran Maestri di antichi Ordini Cavallereschi.

I primi due membri ascritti sono S.A.R. il Principe Emanuele Filiberto di Savoia Principe di Piemonte e Principe di Venezia, nipote dell’ultimo Re d’Italia, e S.A.R. il Principe Don Jaime di Borbone delle Due Sicilie Duca di Noto e cugino terzo del Re di Spagna.
Emanuele Filiberto, da sempre attento ai bisogni degli “ultimi”, porta avanti con successo le tradizioni filantropiche della propria famiglia attraverso la promozione delle attività umanitarie e caritative degli Ordini Dinastici della Real Casa di Savoia.

Don Jaime, più giovane, è anch’egli particolarmente sensibile verso i temi della beneficenza, patrocinata dalla Real Casa e dal Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio, patrimonio cavalleresco della Dinastia delle Due Sicilie.

Si tratta, dunque, di due membri accomunati dalla volontà sincera e sentita di prodigarsi concretamente a favore delle attività del Corpo Internazionale di Soccorso, anche al di là dell’ascrizione al Comitato d’Onore del C.I.S.. Di seguito si riportano i curricula inviatici dalle due Case Reali.

S.A.R. Il Principe Emanuele Filiberto di Savoia Principe di Piemonte, Principe di Venezia

S.A.R.
Il Principe
Emanuele Filiberto di Savoia
Principe di Piemonte, Principe di Venezia

Nasce a Ginevra il 22 di Giugno del 1972. Suo Nonno, Sua Maestà Re Umberto II d’Italia, gli conferì il titolo di Principe di Venezia.

Da bambino ha potuto contare sulle doti culturali, in specie storiografiche, della Regina d’Italia, Sua Maestà Maria José, Sua nonna. Quando lo si incontra, si intuisce subito il carattere dell’uomo reale, concreto, dalla mentalità rivolta al futuro, nutrita dalle radici storiche e morale di Famiglia, avendo quali esempi diversi antenati, tra cui spiccano figure di profonde doti politiche, spirituali e umane. Non ultimo il grande esempio ricevuto da Suo nonno Sua Maestà Re Umberto II, e da Suo Padre il Principe Vittorio Emanuele, dai quali ha accolto e fatto Sue la grande dignità, il senso del dovere e di abnegazione, e l’amore profondo per la Sua Patria e il Suo Popolo.

L’esilio a cui è stato costretto dalla nascita e fino ai trent’anni, è stato per lui un ulteriore stimolo a partecipare, in modo attivo e responsabile, alla vita del Paese. La Sua formazione umana si è sviluppata inoltre attraverso il Liceo Le Rosey, conseguendo il diploma di maturità scientifica a Losanna. Il Suo istinto per la finanza l’ha portato ad abbandonare gli studi universitari intrapresi in architettura in favore di quelli in scienze politiche, per poi lanciarsi nel mondo bancario internazionale. Ha creato, a soli ventisei anni, il «Fondo Altin» primo «fondo di fondi hedge» quotato nella Borsa di Zurigo. Successivamente ha istituito un prodotto finanziario tutto italiano, legato alla «Fondazione Emanuele Filiberto Charity Fund». Il fondo si proponeva di generare utili per sostenere due realtà nazionali che operano nel sociale. L’esperienza nella finanza internazionale gli ha consentito di toccare con mano le dinamiche dei processi di globalizzazione, i limiti dell’attuale integrazione europea, principalmente economico monetaria, e la crisi politica nell’Europa, il declino degli Stati nazionali e l’incertezza d’una Sovranità condivisa. Con la nascita della «Fondazione Principe di Venezia», creata nel 2001 e dedicata alla memoria della nonna, Sua Maestà la Regina d’Italia Maria José, sceglie di utilizzare l’arte quale veicolo di comunicazione tra i popoli, punto d’incontro e di comunione di ideali attraverso gli stimoli di culture diverse.

Il rientro in Italia è stato “coronato”, dopo pochi mesi, dal matrimonio con Clotilde Courau, nella Basilica di Santa Maria degli Angeli in Roma, che vide le nozze del suo bisnonno, il Re Vittorio Emanuele III con la Principessa Elena di Montenegro. Dal matrimonio sono nate due figlie oggi adolescenti, Vittoria, Principessa di Carignano e Marchesa d’Ivrea e Luisa, Principessa di Chieri e Contessa di Salemi.

Il Suo amore per la Patria lo porta ad essere testimone delle bellezze italiche dall’arte alla cultura, alla moda, e non ultima la tradizione culinaria italiana così famosa ed apprezzata in tutto il mondo, tradotta da lui in un nuovo food concept. Oltre la promozione della cultura italiana nel mondo, Emanuele Filiberto ha nel cuore la costruzione di un futuro migliore per l’Italia e gli Italiani.

Le tradizioni filantropiche di famiglia sono portate avanti dal Principe Emanuele Filiberto attraverso la promozione delle attività umanitarie e caritative degli Ordini Dinastici della Real Casa di Savoia. È Presidente dell’Associazione Internazionale dei Cavalieri degli Ordini Dinastici di Casa Savoia (AICODS) che sostiene diverse opere benefiche in tutto il mondo.

S.A.R.
Il Principe
Emanuele Filiberto di Savoia
Principe di Piemonte, Principe di Venezia

S.A.R. Il Principe Emanuele Filiberto di Savoia Principe di Piemonte, Principe di Venezia

S.A.R.
Il Principe
Don Jaime di Borbone delle Due Sicilie
Duca di Noto

Discendente di Francesco II, ultimo Re delle Due Sicilie, é il figlio primogenito di S.A.R. il Principe Don Pedro di Borbone delle Due Sicilie e Orléans Duca di Calabria e Conte di Caserta ecc., Capo della Real Casa, Gran Maestro del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio, Gran Maestro dell’Insigne e Reale Ordine di San Gennaro e degli Ordini Dinastici e di S.A.R. la Principessa Doña Sofía di Borbone delle Due Sicilie, Duchessa di Calabria e Contessa di Caserta, ecc. nata Landaluce y Melgarejo,
figlia di Don José Manuel Landaluce y Domínguez e di Doña Blanca Melgarejo y González (nipote del V Duca di San Fernando de Quiroga).
Suo nonno, cugino di primo grado di S.M. Don Juan Carlos Re di Spagna, era S.A.R. il Ser.mo Principe Don Carlos Maria di Borbone delle Due Sicilie e Borbone-Parma, Duca di Calabria e Conte di Caserta, Infante di Spagna, Capo della Real Casa delle Due Sicilie (1964-2015) e Gran Maestro degli Ordini Dinastici e sua nonna é S.A.R. la Principessa Anna d’Orléans (1938 - viv.), Principessa di Francia e Duchessa Vedova di Calabria, figlia di S.A.R. Enrico d'Orléans Conte di Parigi e di S.A.R. la Principessa Isabella d'Orléans-Braganza nata Principessa Imperiale del Brasile, Contessa di Parigi e Duchessa d’Orléans.

Nato a Madrid il 26 giugno 1996, é laureato in giurisprudenza al Centro Universitario Villanueva e ha conseguito un Master in Business Administration alla IE University Business School.
Dal 2018 è Direttore di un fondo di venture capital (una delle principali società globali specializzate in investimenti nelle fasi iniziali e come acceleratore e innovatore aziendale) a Parigi e da luglio 2019 anche in Spagna.
Parla italiano, spagnolo, inglese e francese.
Attualmente vive a Parigi.
Visita di frequente l’Italia, accompagnando l’Augusto Genitore o rappresentandolo nelle attività religiose, benefiche e culturali patrocinate dalla Real Casa e dal Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio, patrimonio cavalleresco della Dinastia delle Due Sicilie.

Onorificenze:

Cav. dell’Insigne e Real Ordine di San Gennaro
Gran Connestabile del Reale e Militare Ordine di San Giorgio della Riunione
Gran Prefetto e Presidente della Real Deputazione del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio
Cav. Gr. Cr. di Giustizia del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio
Cavaliere dell’Ordine Militare di Alcántara
Cavaliere Real Maestranza de Zaragoza
Cavaliere Real Maestranza de Valencia
Cav. d’On. e Devozione del Sovrano Militare Ordine di Malta
Ecc…

S.A.R.
Il Principe
Don Jaime di Borbone delle Due Sicilie
Duca di Noto

S.A.R. Il Principe Emanuele Filiberto di Savoia Principe di Piemonte, Principe di Venezia

S.A.R.
Il Principe
Michele di Jugoslavia

S.A.R. il Principe MICHEL Karageorgevic di jugoslavia,

Discendente di casa Savoia, e figlio della Principessa Mari Pia e

Nipote di Umberto II, ultimo Re d'Italia. Il nonno paterno, il Principe Paolo, e l’ultimo Reggente di Jugoslavia.

È cresciuto e ha studiato in Francia, Svizzera, Regno Unito e Germania.

È stato coinvolto nel settore immobiliare per 10

anni in Florida, per poi passare nel mondo della finanza

di Wall Street a New York per ulteriori 10 anni.

Tornato in Europa, ha vissuto a Ginevra, si è poi trasferito nel Principato di Monaco dove tutt’ora risiede.

Uomo di pubbliche relazioni, mette a disposizione le sue connessioni in tutto il mondo per facilitare attività commerciale e filantropiche, prendendo parte attivamente ad opere caritatevoli, seguendo l’esempio e l’educazione familiare.

Lo spiccato senso di osservazione, unito all’amore per l’arte, portano S.A.R. il PRINCIPE MICHEL ad appassionarsi sempre di più all’arte della fotografia.

Nei suoi frequenti viaggi, accompagnato dalla sua fedele macchina fotografica, cattura immagini della vita quotidiana, le bellezze della natura, ed oggetti che mostrano un senso di ordine e logica.

Le sue opere vengono esposte in gallerie d'arte e musei in molti paesi del mondo, talvolta offerti ad aste per la raccolta di fondi per la beneficenza.

S.A.R.
Il Principe
Michele di Jugoslavia

S.A.R. Il Principe Emanuele Filiberto di Savoia Principe di Piemonte, Principe di Venezia

Nasce a Ginevra il 22 di Giugno del 1972. Suo Nonno, Sua Maestà Re Umberto II d’Italia, gli conferì il titolo di Principe di Venezia.

Da bambino ha potuto contare sulle doti culturali, in specie storiografiche, della Regina d’Italia, Sua Maestà Maria José, Sua nonna. Quando lo si incontra, si intuisce subito il carattere dell’uomo reale, concreto, dalla mentalità rivolta al futuro, nutrita dalle radici storiche e morale di Famiglia, avendo quali esempi diversi antenati, tra cui spiccano figure di profonde doti politiche, spirituali e umane. Non ultimo il grande esempio ricevuto da Suo nonno Sua Maestà Re Umberto II, e da Suo Padre il Principe Vittorio Emanuele, dai quali ha accolto e fatto Sue la grande dignità, il senso del dovere e di abnegazione, e l’amore profondo per la Sua Patria e il Suo Popolo.

L’esilio a cui è stato costretto dalla nascita e fino ai trent’anni, è stato per lui un ulteriore stimolo a partecipare, in modo attivo e responsabile, alla vita del Paese. La Sua formazione umana si è sviluppata inoltre attraverso il Liceo Le Rosey, conseguendo il diploma di maturità scientifica a Losanna. Il Suo istinto per la finanza l’ha portato ad abbandonare gli studi universitari intrapresi in architettura in favore di quelli in scienze politiche, per poi lanciarsi nel mondo bancario internazionale. Ha creato, a soli ventisei anni, il «Fondo Altin» primo «fondo di fondi hedge» quotato nella Borsa di Zurigo. Successivamente ha istituito un prodotto finanziario tutto italiano, legato alla «Fondazione Emanuele Filiberto Charity Fund». Il fondo si proponeva di generare utili per sostenere due realtà nazionali che operano nel sociale. L’esperienza nella finanza internazionale gli ha consentito di toccare con mano le dinamiche dei processi di globalizzazione, i limiti dell’attuale integrazione europea, principalmente economico monetaria, e la crisi politica nell’Europa, il declino degli Stati nazionali e l’incertezza d’una Sovranità condivisa. Con la nascita della «Fondazione Principe di Venezia», creata nel 2001 e dedicata alla memoria della nonna, Sua Maestà la Regina d’Italia Maria José, sceglie di utilizzare l’arte quale veicolo di comunicazione tra i popoli, punto d’incontro e di comunione di ideali attraverso gli stimoli di culture diverse.

Il rientro in Italia è stato “coronato”, dopo pochi mesi, dal matrimonio con Clotilde Courau, nella Basilica di Santa Maria degli Angeli in Roma, che vide le nozze del suo bisnonno, il Re Vittorio Emanuele III con la Principessa Elena di Montenegro. Dal matrimonio sono nate due figlie oggi adolescenti, Vittoria, Principessa di Carignano e Marchesa d’Ivrea e Luisa, Principessa di Chieri e Contessa di Salemi.

Il Suo amore per la Patria lo porta ad essere testimone delle bellezze italiche dall’arte alla cultura, alla moda, e non ultima la tradizione culinaria italiana così famosa ed apprezzata in tutto il mondo, tradotta da lui in un nuovo food concept. Oltre la promozione della cultura italiana nel mondo, Emanuele Filiberto ha nel cuore la costruzione di un futuro migliore per l’Italia e gli Italiani.

Le tradizioni filantropiche di famiglia sono portate avanti dal Principe Emanuele Filiberto attraverso la promozione delle attività umanitarie e caritative degli Ordini Dinastici della Real Casa di Savoia. È Presidente dell’Associazione Internazionale dei Cavalieri degli Ordini Dinastici di Casa Savoia (AICODS) che sostiene diverse opere benefiche in tutto il mondo.

S.A.R. Il Principe Don Jaime di Borbone delle Due Sicilie Duca di Noto

Discendente di Francesco II, ultimo Re delle Due Sicilie, é il figlio primogenito di S.A.R. il Principe Don Pedro di Borbone delle Due Sicilie e Orléans Duca di Calabria e Conte di Caserta ecc., Capo della Real Casa, Gran Maestro del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio, Gran Maestro dell’Insigne e Reale Ordine di San Gennaro e degli Ordini Dinastici e di S.A.R. la Principessa Doña Sofía di Borbone delle Due Sicilie, Duchessa di Calabria e Contessa di Caserta, ecc. nata Landaluce y Melgarejo, figlia di Don José Manuel Landaluce y Domínguez e di Doña Blanca Melgarejo y González (nipote del V Duca di San Fernando de Quiroga). Suo nonno, cugino di primo grado di S.M. Don Juan Carlos Re di Spagna, era S.A.R. il Ser.mo Principe Don Carlos Maria di Borbone delle Due Sicilie e Borbone-Parma, Duca di Calabria e Conte di Caserta, Infante di Spagna, Capo della Real Casa delle Due Sicilie (1964-2015) e Gran Maestro degli Ordini Dinastici e sua nonna é S.A.R. la Principessa Anna d’Orléans (1938 – viv.), Principessa di Francia e Duchessa Vedova di Calabria, figlia di S.A.R. Enrico d’Orléans Conte di Parigi e di S.A.R. la Principessa Isabella d’Orléans-Braganza nata Principessa Imperiale del Brasile, Contessa di Parigi e Duchessa d’Orléans.

Nato a Madrid il 26 giugno 1996, é laureato in giurisprudenza al Centro Universitario Villanueva e ha conseguito un Master in Business Administration alla IE University Business School. Dal 2018 è Direttore di un fondo di venture capital (una delle principali società globali specializzate in investimenti nelle fasi iniziali e come acceleratore e innovatore aziendale) a Parigi e da luglio 2019 anche in Spagna. Parla italiano, spagnolo, inglese e francese. Attualmente vive a Parigi. Visita di frequente l’Italia, accompagnando l’Augusto Genitore o rappresentandolo nelle attività religiose, benefiche e culturali patrocinate dalla Real Casa e dal Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio, patrimonio cavalleresco della Dinastia delle Due Sicilie. Onorificenze:

Cav. dell’Insigne e Real Ordine di San Gennaro Gran Connestabile del Reale e Militare Ordine di San Giorgio della Riunione Gran Prefetto e Presidente della Real Deputazione del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio Cav. Gr. Cr. di Giustizia del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio Cavaliere dell’Ordine Militare di Alcántara Cavaliere Real Maestranza de Zaragoza Cavaliere Real Maestranza de Valencia Cav. d’On. e Devozione del Sovrano Militare Ordine di Malta Ecc…

S.A.R. Il Principe Michele di Jugoslavia

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Praesent in justo massa. Nunc erat risus, aliquet ac pellentesque at, tincidunt nec dui. Praesent et erat id nisl facilisis pulvinar. Nullam eget lorem id libero tempor sollicitudin. Duis porttitor bibendum varius. Nullam sed risus elementum, feugiat mi eget, tincidunt ante. Maecenas nec ex sem. Pellentesque luctus dolor a sem feugiat euismod. Etiam accumsan, urna a ultrices sodales, odio lectus convallis massa, et hendrerit augue ipsum eget massa. Nunc eu condimentum erat. Etiam egestas commodo vestibulum. Nullam luctus porttitor nunc in bibendum. Aenean non facilisis arcu. Nunc gravida dolor vitae mauris ultricies accumsan. Phasellus tincidunt magna sed viverra ullamcorper. Vestibulum pharetra faucibus orci, eget elementum nunc faucibus eu.

Nunc tempor ante et pulvinar laoreet. Suspendisse eget tincidunt diam. Duis ac eleifend ex. Phasellus aliquam ac orci dictum blandit. Maecenas a commodo mauris, sed viverra felis. Nulla aliquam odio eu elit elementum, ac pretium tortor dictum. Aenean rutrum vitae ex nec accumsan. Nam ut dui vel nulla lacinia luctus. Pellentesque nec turpis nunc. Morbi nec turpis diam. Proin ultricies orci ac interdum sagittis. Fusce lobortis lorem et velit eleifend, at tincidunt nibh pretium. Mauris pulvinar libero sit amet diam euismod consectetur.

Sed molestie nisi id ex vulputate, eget venenatis ante vehicula. In suscipit, risus in molestie ullamcorper, quam est fermentum est, eu condimentum nibh leo vitae sapien. In hac habitasse platea dictumst. Phasellus vitae mi nunc. Pellentesque consectetur augue id lobortis cursus. Maecenas eget sem est. Nunc non auctor diam, ac ultricies ipsum. Vestibulum tempor sapien ac sapien tristique, sit amet tempus magna pretium. Pellentesque consectetur, est at eleifend imperdiet, odio eros consequat eros, quis finibus mi nulla sed dui. In sit amet lacinia enim.

In hendrerit aliquet erat sit amet ultrices. Vestibulum ultricies enim at nisl imperdiet, eu suscipit neque eleifend. Phasellus odio urna, varius sed lorem quis, convallis tristique mi. Class aptent taciti sociosqu ad litora torquent per conubia nostra, per inceptos himenaeos. Sed porta euismod mauris in aliquet. Nulla vel tortor eu diam semper ullamcorper. Vestibulum tortor metus, maximus sit amet convallis id, condimentum nec elit. Sed ac elit nisi.

Proin a augue venenatis, sollicitudin orci ac, pulvinar nisi. Vivamus fermentum suscipit magna in ullamcorper. Vestibulum fringilla sem eget nunc tincidunt, ut gravida purus iaculis. Sed sed scelerisque lorem. Suspendisse potenti. Maecenas eget mollis nisl, a egestas velit. Nullam convallis non felis ut posuere. Nam tempus nisl vitae urna finibus, in maximus nunc placerat.

S.A.R.
Il Principe
Emanuele Filiberto di Savoia
Principe di Piemonte, Principe di Venezia

Nasce a Ginevra il 22 di Giugno del 1972. Suo Nonno, Sua Maestà Re Umberto II d’Italia, gli conferì il titolo di Principe di Venezia.

Da bambino ha potuto contare sulle doti culturali, in specie storiografiche, della Regina d’Italia, Sua Maestà Maria José, Sua nonna. Quando lo si incontra, si intuisce subito il carattere dell’uomo reale, concreto, dalla mentalità rivolta al futuro, nutrita dalle radici storiche e morale di Famiglia, avendo quali esempi diversi antenati, tra cui spiccano figure di profonde doti politiche, spirituali e umane. Non ultimo il grande esempio ricevuto da Suo nonno Sua Maestà Re Umberto II, e da Suo Padre il Principe Vittorio Emanuele, dai quali ha accolto e fatto Sue la grande dignità, il senso del dovere e di abnegazione, e l’amore profondo per la Sua Patria e il Suo Popolo.

L’esilio a cui è stato costretto dalla nascita e fino ai trent’anni, è stato per lui un ulteriore stimolo a partecipare, in modo attivo e responsabile, alla vita del Paese. La Sua formazione umana si è sviluppata inoltre attraverso il Liceo Le Rosey, conseguendo il diploma di maturità scientifica a Losanna. Il Suo istinto per la finanza l’ha portato ad abbandonare gli studi universitari intrapresi in architettura in favore di quelli in scienze politiche, per poi lanciarsi nel mondo bancario internazionale. Ha creato, a soli ventisei anni, il «Fondo Altin» primo «fondo di fondi hedge» quotato nella Borsa di Zurigo. Successivamente ha istituito un prodotto finanziario tutto italiano, legato alla «Fondazione Emanuele Filiberto Charity Fund». Il fondo si proponeva di generare utili per sostenere due realtà nazionali che operano nel sociale. L’esperienza nella finanza internazionale gli ha consentito di toccare con mano le dinamiche dei processi di globalizzazione, i limiti dell’attuale integrazione europea, principalmente economico monetaria, e la crisi politica nell’Europa, il declino degli Stati nazionali e l’incertezza d’una Sovranità condivisa. Con la nascita della «Fondazione Principe di Venezia», creata nel 2001 e dedicata alla memoria della nonna, Sua Maestà la Regina d’Italia Maria José, sceglie di utilizzare l’arte quale veicolo di comunicazione tra i popoli, punto d’incontro e di comunione di ideali attraverso gli stimoli di culture diverse.

Il rientro in Italia è stato “coronato”, dopo pochi mesi, dal matrimonio con Clotilde Courau, nella Basilica di Santa Maria degli Angeli in Roma, che vide le nozze del suo bisnonno, il Re Vittorio Emanuele III con la Principessa Elena di Montenegro. Dal matrimonio sono nate due figlie oggi adolescenti, Vittoria, Principessa di Carignano e Marchesa d’Ivrea e Luisa, Principessa di Chieri e Contessa di Salemi.

Il Suo amore per la Patria lo porta ad essere testimone delle bellezze italiche dall’arte alla cultura, alla moda, e non ultima la tradizione culinaria italiana così famosa ed apprezzata in tutto il mondo, tradotta da lui in un nuovo food concept. Oltre la promozione della cultura italiana nel mondo, Emanuele Filiberto ha nel cuore la costruzione di un futuro migliore per l’Italia e gli Italiani.

Le tradizioni filantropiche di famiglia sono portate avanti dal Principe Emanuele Filiberto attraverso la promozione delle attività umanitarie e caritative degli Ordini Dinastici della Real Casa di Savoia. È Presidente dell’Associazione Internazionale dei Cavalieri degli Ordini Dinastici di Casa Savoia (AICODS) che sostiene diverse opere benefiche in tutto il mondo.

S.A.R.
Il Principe
Don Jaime di Borbone delle Due Sicilie
Duca di Noto

Discendente di Francesco II, ultimo Re delle Due Sicilie, é il figlio primogenito di S.A.R. il Principe Don Pedro di Borbone delle Due Sicilie e Orléans Duca di Calabria e Conte di Caserta ecc., Capo della Real Casa, Gran Maestro del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio, Gran Maestro dell’Insigne e Reale Ordine di San Gennaro e degli Ordini Dinastici e di S.A.R. la Principessa Doña Sofía di Borbone delle Due Sicilie, Duchessa di Calabria e Contessa di Caserta, ecc. nata Landaluce y Melgarejo,
figlia di Don José Manuel Landaluce y Domínguez e di Doña Blanca Melgarejo y González (nipote del V Duca di San Fernando de Quiroga).
Suo nonno, cugino di primo grado di S.M. Don Juan Carlos Re di Spagna, era S.A.R. il Ser.mo Principe Don Carlos Maria di Borbone delle Due Sicilie e Borbone-Parma, Duca di Calabria e Conte di Caserta, Infante di Spagna, Capo della Real Casa delle Due Sicilie (1964-2015) e Gran Maestro degli Ordini Dinastici e sua nonna é S.A.R. la Principessa Anna d’Orléans (1938 – viv.), Principessa di Francia e Duchessa Vedova di Calabria, figlia di S.A.R. Enrico d’Orléans Conte di Parigi e di S.A.R. la Principessa Isabella d’Orléans-Braganza nata Principessa Imperiale del Brasile, Contessa di Parigi e Duchessa d’Orléans.

Nato a Madrid il 26 giugno 1996, é laureato in giurisprudenza al Centro Universitario Villanueva e ha conseguito un Master in Business Administration alla IE University Business School.
Dal 2018 è Direttore di un fondo di venture capital (una delle principali società globali specializzate in investimenti nelle fasi iniziali e come acceleratore e innovatore aziendale) a Parigi e da luglio 2019 anche in Spagna.
Parla italiano, spagnolo, inglese e francese.
Attualmente vive a Parigi.
Visita di frequente l’Italia, accompagnando l’Augusto Genitore o rappresentandolo nelle attività religiose, benefiche e culturali patrocinate dalla Real Casa e dal Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio, patrimonio cavalleresco della Dinastia delle Due Sicilie.

Onorificenze:

Cav. dell’Insigne e Real Ordine di San Gennaro
Gran Connestabile del Reale e Militare Ordine di San Giorgio della Riunione
Gran Prefetto e Presidente della Real Deputazione del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio
Cav. Gr. Cr. di Giustizia del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio
Cavaliere dell’Ordine Militare di Alcántara
Cavaliere Real Maestranza de Zaragoza
Cavaliere Real Maestranza de Valencia
Cav. d’On. e Devozione del Sovrano Militare Ordine di Malta
Ecc…

S.A.R. il Principe Emanuele Filiberto di Savoia Principe di Piemonte, Principe di Venezia

Nasce a Ginevra il 22 di Giugno del 1972. Suo Nonno, Sua Maestà Re Umberto II d’Italia, gli conferì il titolo di Principe di Venezia.

Da bambino ha potuto contare sulle doti culturali, in specie storiografiche, della Regina d’Italia, Sua Maestà Maria José, Sua nonna. Quando lo si incontra, si intuisce subito il carattere dell’uomo reale, concreto, dalla mentalità rivolta al futuro, nutrita dalle radici storiche e morale di Famiglia, avendo quali esempi diversi antenati, tra cui spiccano figure di profonde doti politiche, spirituali e umane. Non ultimo il grande esempio ricevuto da Suo nonno Sua Maestà Re Umberto II, e da Suo Padre il Principe Vittorio Emanuele, dai quali ha accolto e fatto Sue la grande dignità, il senso del dovere e di abnegazione, e l’amore profondo per la Sua Patria e il Suo Popolo.

L’esilio a cui è stato costretto dalla nascita e fino ai trent’anni, è stato per lui un ulteriore stimolo a partecipare, in modo attivo e responsabile, alla vita del Paese. La Sua formazione umana si è sviluppata inoltre attraverso il Liceo Le Rosey, conseguendo il diploma di maturità scientifica a Losanna. Il Suo istinto per la finanza l’ha portato ad abbandonare gli studi universitari intrapresi in architettura in favore di quelli in scienze politiche, per poi lanciarsi nel mondo bancario internazionale. Ha creato, a soli ventisei anni, il «Fondo Altin» primo «fondo di fondi hedge» quotato nella Borsa di Zurigo. Successivamente ha istituito un prodotto finanziario tutto italiano, legato alla «Fondazione Emanuele Filiberto Charity Fund». Il fondo si proponeva di generare utili per sostenere due realtà nazionali che operano nel sociale. L’esperienza nella finanza internazionale gli ha consentito di toccare con mano le dinamiche dei processi di globalizzazione, i limiti dell’attuale integrazione europea, principalmente economico monetaria, e la crisi politica nell’Europa, il declino degli Stati nazionali e l’incertezza d’una Sovranità condivisa. Con la nascita della «Fondazione Principe di Venezia», creata nel 2001 e dedicata alla memoria della nonna, Sua Maestà la Regina d’Italia Maria José, sceglie di utilizzare l’arte quale veicolo di comunicazione tra i popoli, punto d’incontro e di comunione di ideali attraverso gli stimoli di culture diverse.

Il rientro in Italia è stato “coronato”, dopo pochi mesi, dal matrimonio con Clotilde Courau, nella Basilica di Santa Maria degli Angeli in Roma, che vide le nozze del suo bisnonno, il Re Vittorio Emanuele III con la Principessa Elena di Montenegro. Dal matrimonio sono nate due figlie oggi adolescenti, Vittoria, Principessa di Carignano e Marchesa d’Ivrea e Luisa, Principessa di Chieri e Contessa di Salemi.

Il Suo amore per la Patria lo porta ad essere testimone delle bellezze italiche dall’arte alla cultura, alla moda, e non ultima la tradizione culinaria italiana così famosa ed apprezzata in tutto il mondo, tradotta da lui in un nuovo food concept. Oltre la promozione della cultura italiana nel mondo, Emanuele Filiberto ha nel cuore la costruzione di un futuro migliore per l’Italia e gli Italiani.

Le tradizioni filantropiche di famiglia sono portate avanti dal Principe Emanuele Filiberto attraverso la promozione delle attività umanitarie e caritative degli Ordini Dinastici della Real Casa di Savoia. È Presidente dell’Associazione Internazionale dei Cavalieri degli Ordini Dinastici di Casa Savoia (AICODS) che sostiene diverse opere benefiche in tutto il mondo.

S.A.R. Il Principe Don Jaime di Borbone delle Due Sicilie Duca di Noto

Discendente di Francesco II, ultimo Re delle Due Sicilie, é il figlio primogenito di S.A.R. il Principe Don Pedro di Borbone delle Due Sicilie e Orléans Duca di Calabria e Conte di Caserta ecc., Capo della Real Casa, Gran Maestro del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio, Gran Maestro dell’Insigne e Reale Ordine di San Gennaro e degli Ordini Dinastici e di S.A.R. la Principessa Doña Sofía di Borbone delle Due Sicilie, Duchessa di Calabria e Contessa di Caserta, ecc. nata Landaluce y Melgarejo, figlia di Don José Manuel Landaluce y Domínguez e di Doña Blanca Melgarejo y González (nipote del V Duca di San Fernando de Quiroga). Suo nonno, cugino di primo grado di S.M. Don Juan Carlos Re di Spagna, era S.A.R. il Ser.mo Principe Don Carlos Maria di Borbone delle Due Sicilie e Borbone-Parma, Duca di Calabria e Conte di Caserta, Infante di Spagna, Capo della Real Casa delle Due Sicilie (1964-2015) e Gran Maestro degli Ordini Dinastici e sua nonna é S.A.R. la Principessa Anna d’Orléans (1938 – viv.), Principessa di Francia e Duchessa Vedova di Calabria, figlia di S.A.R. Enrico d’Orléans Conte di Parigi e di S.A.R. la Principessa Isabella d’Orléans-Braganza nata Principessa Imperiale del Brasile, Contessa di Parigi e Duchessa d’Orléans.

Nato a Madrid il 26 giugno 1996, é laureato in giurisprudenza al Centro Universitario Villanueva e ha conseguito un Master in Business Administration alla IE University Business School. Dal 2018 è Direttore di un fondo di venture capital (una delle principali società globali specializzate in investimenti nelle fasi iniziali e come acceleratore e innovatore aziendale) a Parigi e da luglio 2019 anche in Spagna. Parla italiano, spagnolo, inglese e francese. Attualmente vive a Parigi. Visita di frequente l’Italia, accompagnando l’Augusto Genitore o rappresentandolo nelle attività religiose, benefiche e culturali patrocinate dalla Real Casa e dal Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio, patrimonio cavalleresco della Dinastia delle Due Sicilie.

Onorificenze:

Cav. dell’Insigne e Real Ordine di San Gennaro Gran Connestabile del Reale e Militare Ordine di San Giorgio della Riunione Gran Prefetto e Presidente della Real Deputazione del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio Cav. Gr. Cr. di Giustizia del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio Cavaliere dell’Ordine Militare di Alcántara Cavaliere Real Maestranza de Zaragoza Cavaliere Real Maestranza de Valencia Cav. d’On. e Devozione del Sovrano Militare Ordine di Malta Ecc…